Asta 18 / Grafica, Dipinti ed Oggetti d'Arte dal XV al XX secolo

ven 11 -  sab 12 DICEMBRE 2015
Lotto 289

Ippolito Scarsella (detto Scarsellino) (Ferrara, - 1620)

Madonna con bambino.

Ante 1580.
Olio su rame. cm 15x12. Figlio di Sigismondo Scarsella, anche lui pittore, si deve al padre l’aver sospinto il giovane alla futura professione. Non è certa una prima visita a Bologna mentre si ricorda un tirocinio nella bottega del Veronese, operante a Venezia, dove il giovane Ippolito assimila lo stile manieristico e la lezione tizianesca. Tornato a Ferrara inizia ad operare in proprio ed apre una sua bottega. Alla prima maturità può esser fatta risalire l’influenza dei Carracci, riscontrabile nell'intimo tono devozionale dei dipinti sacri. Il suo percorso artistico comprende, oltre a numerose grandi pale d'altare per chiese ferraresi, anche una copiosa produzione di dipinti di piccolo formato, a soggetto sacro o profano, per la devozione o il gusto privato di una committenza scelta. A quest’ultima produzione sembra appartenere anche il piccolo rame in esame, dove la componente veneta sembra far largo all’affettività spiegata di marca carraccesca.
Il dipinto è accompagnato da una lettera di Mina Gregori che ne conferma l’attribuzione e ne analizza la cifra: “I confronti con le opere note fanno datare questo prezioso quadretto prima del 1580, nella fase giovanile. Vi sono evidenti i punti di riferimento della cultura di formazione del pittore, Paolo Veronese, riecheggiato nell’intonazione dei colori, e il Parmigianino nell’articolazione formale del Bambino. E’ interessante notare che un’iscrizione nel verso della fine del Settecento o degli inizi dell’Ottocento attribuiva già il quadro allo Scarsellino”.


In cornice.

Base d'asta
EUR 10.000,00
invenduto