Asta 28 / Grafica & Libri

mar 26 -  gio 28 MAGGIO 2020
Lotto 403

Rara raccolta dell'opera litografica completa

Giovanni Fattori (Livorno, 1825 - Firenze, 1908)

20 ricordi dal vero.

1883-84.

Album in foglio oblungo (mm 328x497) contentente 20 litografie stampate su fondo verde applicato a supporto di carta bianca liscia. Nel dettaglio: 1) Cavalleggeri in perlustrazione. mm 207x270. 2) Carica di cavalleria. mm 194x268. 3) In perlustrazione. mm 196x268. 4) Tre contadini in conversazione. mm 314x205. 5) Ciociara. mm 293x209. 6) Lanciere in vedetta. mm 193x257. 7) Barrocci romani. mm 204x250. 8) Il sergente. mm 268x198. 9) Alto d'artiglieria alle grandi manovre. mm 234x297. 10) Granatiere che impugna il fucile. mm 297x210. 11) Artigliere in vedetta. mm 210x146. 12) Traino d'artiglieria in discesa. mm 212x269. 13) Sentinella. mm 302x211. 14) Artiglieria in marcia. mm 201x255. 15) Governo dei cavalli. mm 216x272. 16) Pattuglia di cavalleggeri in perlustrazione. mm190x267. 17) Paesaggio con buttero a cavallo e bove. mm 185x266. 18) Attendamento. mm 210x268. 19) Traino d'artiglieria in salita. mm 211x268. 20) Granatiere da tergo. mm 295x215. Tutte le litografie sono firmate in lastra. baboni, CCI-CCXX. L'esemplare si vende privo della brossura originale con titoli ma completo di tutte le tavole, seppur rilegate in ordine dissimile rispetto a quanto citato da Baboni. Legatura ottocentesca rimontata in piena pelle rossa con ampie decorazioni a secco e in oro ai piatti e titolo impresso in oro al centro del piatto anteriore. Bella e rara raccolta contenente l'opera litografica completa dell'artista in venti tavole, eseguite tra il 1883 e il 1884. La tiratura dei Venti ricordi dal vero è stata di pochissimi esemplari e due serie complete si trovano presso il Gabinetto Disegni e Stampe degli Uffizi; nel 1961 Aldo Gonnelli rintracciò 7 delle 20 pietre litografiche e ne fece una tiratura di 100 cartelle. Il segno è fluido e ben caratterizzato; così Mario Tinti: "La capacità lirica derivante dalla opposizione dei chiari e degli scuri che dagli anni eroici della "macchia" era stata dal Fattori sempre meno impiegata in pittura, nell'acquaforte ritorna a imporsi e a trionfare...". Cfr mario tinti, Giovanni Fattori (Roma-Milano, 1926). 



L'opera è priva della brossura originale ma conservata in bella legatura ottocentesca, che si presenta con alcuni restauri al dorso, sguardie rinnovate e unghiature leggermente lise. Ciascuna tavola è protetta da velina e in buono stato conservativo, ai margini dei fogli solo un leggero foxing.

 

 

 

Base d'asta
EUR 6.000,00
invenduto