Asta 28 / Grafica & Libri

mar 26 -  gio 28 MAGGIO 2020
Lotto 67

Gavin Hamilton (Lanarkshire, 1723 - Roma, 1798)

Schola Italica Picturae sive Selectae Quaedam Summorum e Schola Italica Pictorum Tabulae Aeree Incise...

Romae: Cura et impensis Gavini Hamilton, 1771

Acquaforte e bulino. Foglio: 605x405. In-folio maximo (mm 620x420). Con 1 frontespizio e 37 (di 39) splendide tavole - numerate da 1 a 38 compreso il frontespizio - disegnate da Hamilton e incise da Cunego, Campanella, Volpato e altri. Esemplare scompleto delle tavole n. 39 e n. 40. Rara edizione originale, edita dall'autore a proprie spese. I disegni per le tavole, incise da Cunego, Campanella, Capellan, Lonsing, Perini, Tinti e Volpato, sono stati tratti da Hamilton dai capolavori di grandi maestri della pittura italiana, Michelangelo, Leonardo, Raffaello, Giorgione, Tiziano, Tintoretto, Barocci, i due Carracci ed altri. Cfr. Berlin Kat. 1878. Sul frontespizio compare la data di edizione 1771, riportata anche alle tavole 16, 18, 20,  la firma di Giuseppe Perini e di nuovo la data 1771. La maggior parte delle tavole recano però date di esecuzione anteriori - 1769 (tavole 25, 28, 35), 1770 (tavole 5, 21, 22, 26, 30, 37), 1771 (tavole 1, 6-8, 15, 33, 36, 38), 1772 (tavole 2-4, 9-14 , 17, 19, 23, 24, 27, 29, 31, 32, 39, 40) - una sola tavola (34) non è datata. Durante la sua lunga permanenza a Roma Gavin Hamilton integrò le sue entrate come pittore di storia occupandosi di incisioni, antichità romane e dipinti italiani. Ogni incisione porta una didascalia latina con titolo e luogo dove il dipinto era conservato, inclusi luoghi fuori Roma. Vi sono menzionate raccolte pubbliche e collezioni private,  tre a Londra (pl. 25, 28, 34). Una sola tavola descrive un dipinto appartenente alla collezione di Gavin Hamilton (tav. 35 - San Girolamo di Guido Reni) - ma probabilmente altre opere erano state possedute o vendute da lui, come la Madonna Ansidei e il San Giovanni Battista di Raffaello , l’Adorazione dei Magi di Dosso Dossi (tutti ora alla National Gallery di Londra). Il volume è stata ristampato a Parigi nel 1807 circa, mantenendo il frontespizio del 1773.



Legatura coeva in mezza pelle con piatti in cartonato, segni di usura al dorso e agli angoli in pelle. Sguardie in carta marmorizzata. Fogli integri con lievissima traccia di fioriture. Eccellente stato di conservazione.

Base d'asta
EUR 800,00
venduto : Registrazione